.
Annunci online

 
tenax 
ossimori, palindromi e apocope
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  reset - caffè europa
Formiche!
gaynews
repubblica
il riformista
la voce
DS
corriere della sera
la Stampa
Il manifesto
la rivista dei libri
marco mancassola
matteo b. bianchi
Internazionale
La Gabella
L'indice
il compagno segreto
cultura gay
Il caffè letterario
ItalianiEuropei
il foglio
Christian Rocca
River
LeftWing
CafèBabel
bookmark
NENS
Gianni Cuperlo
tunnel
DS castelnovo di sotto
DS Reggio Emilia
ulivo
ulibo
fondazione basso
lapiazzarossa
astrofabio
redirish
Volenterosi
adele parrillo
Liff
Latte Scarlatto
EmiliaNet
IlSole24Ore
ThePolitico
Crixtian
arciJoe
discarica
LENZ
eleanorerigby
gugol-meps
Bolle da Orbi
DeCiDeRe
Luca Sofri
Adam Smith Society
LibMagazine
NovaMagazine
culture metropolitane
Professione Cittadino
Angelo Pezzana
Fondazione Sandro Penna
Monocle
Informazione Corretta
Camere con Vista
  cerca

 
Pensieri rubati.

"Il piacere è ben lungi dall'essere una guida critica infallibile: è però la meno ingannevole" (W.H. Austen)

"Non c'è niente che ci faccia più soffrire di un desiderio esaudito" (Santa Teresa d'Avila)


 

Diario |
 
Diario
1visite.

10 agosto 2007

LE PICCOLE VACANZE - e una canzone

E finalmente arrivarono anche le vacanze.
Che poi la parola vacanza a me non è mai nemmeno piaciuta. Troppo sospensiva, fluttuante tra un prima certo, di cui, qualsiasi sia stato l’esito, si è scontenti, e un dopo che troppo spesso crea più ansia che speranza. Per questo ho sempre preferito fare dei viaggi.
Il viaggio implica una partenza, verso una meta, che può essere più o meno raggiungibile, più o meno concreta. Ma state sicuri che il più delle volte è diverso – il viaggio stesso, non solo la meta – da quello che credevate. E al ritorno, anche la geografia dei luoghi e dei sentimenti da cui siete partiti, sarà mutata.

 

Oggi è così, come nell’incipit dei ‘Fiori Blu’ di Queneau: “Il venticinque settembre milleduecentosessantaquattro, sul far del giorno, il Duca d’Auge salì in cima al torrione del suo castello per considerare un momentino la situazione storica. La trovò poco chiara.”
Ecco. Al ritorno non vorrei trovare più ordine, questo no. Ma un po’ più di chiarezza e trasparenza sì. Come al mattino, quando all’alba il mare è ancora piatto, non sferzato dal vento e dalle onde, quasi il tempo si fosse fermato. Prima che la Terra, come tutti i giorni,  ricominci a girare e ad agitare gli animi e i destini. E il mare.




permalink | inviato da tenax il 10/8/2007 alle 0:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre