.
Annunci online

 
tenax 
ossimori, palindromi e apocope
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  reset - caffè europa
Formiche!
gaynews
repubblica
il riformista
la voce
DS
corriere della sera
la Stampa
Il manifesto
la rivista dei libri
marco mancassola
matteo b. bianchi
Internazionale
La Gabella
L'indice
il compagno segreto
cultura gay
Il caffè letterario
ItalianiEuropei
il foglio
Christian Rocca
River
LeftWing
CafèBabel
bookmark
NENS
Gianni Cuperlo
tunnel
DS castelnovo di sotto
DS Reggio Emilia
ulivo
ulibo
fondazione basso
lapiazzarossa
astrofabio
redirish
Volenterosi
adele parrillo
Liff
Latte Scarlatto
EmiliaNet
IlSole24Ore
ThePolitico
Crixtian
arciJoe
discarica
LENZ
eleanorerigby
gugol-meps
Bolle da Orbi
DeCiDeRe
Luca Sofri
Adam Smith Society
LibMagazine
NovaMagazine
culture metropolitane
Professione Cittadino
Angelo Pezzana
Fondazione Sandro Penna
Monocle
Informazione Corretta
Camere con Vista
  cerca

 
Pensieri rubati.

"Il piacere è ben lungi dall'essere una guida critica infallibile: è però la meno ingannevole" (W.H. Austen)

"Non c'è niente che ci faccia più soffrire di un desiderio esaudito" (Santa Teresa d'Avila)


 

Diario |
 
Diario
1visite.

29 agosto 2007

il malato di cuore...

cominciai a sognare anch'io insieme a loro,
poi l'anima d'improvviso prese il volo....


un ragazzo che a ventidue anni gioca nelle qualificazioni di champion's league, crede di sognare. E invece no. Ci giocava davvero. Correva, si dava da fare, probabilmente senza pensare che quel fastidio che sentiva era da prendere sul serio. Correva, sognava.
Ma dai sogni, quelli belli come quelli brutti (in questo c'è par condicio) ci si sveglia. A volte un po' traumatizzati. Altre volte contenti che si sia trattato solo di un sogno.
Antonio Puerta si era svegliato. Ma l'incubo l'ha riacciuffato per la coda. Codardo!
Non sono nemmeno un tifoso del calcio. Ma quando il destino illude e poi spezza i sogni, trovo la cosa davvero atroce.
"Ho chiuso gli occhi e ho tirato. Quando li ho riaperti avevo fatto gol: lo dedico a mio nonno, che non ha mai potuto vedere il Siviglia in finale di Coopa Uefa". Sono le parole, generose, che Antonio dice in un filmato prima di una partita dello scorso anno con il Schalke. Dietro di lui lo stadio vuoto, prima del match. Oggi sarà di nuovo, tristemente, pieno. In omaggio a lui.




permalink | inviato da tenax il 29/8/2007 alle 9:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre