.
Annunci online

 
tenax 
ossimori, palindromi e apocope
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  reset - caffè europa
Formiche!
gaynews
repubblica
il riformista
la voce
DS
corriere della sera
la Stampa
Il manifesto
la rivista dei libri
marco mancassola
matteo b. bianchi
Internazionale
La Gabella
L'indice
il compagno segreto
cultura gay
Il caffè letterario
ItalianiEuropei
il foglio
Christian Rocca
River
LeftWing
CafèBabel
bookmark
NENS
Gianni Cuperlo
tunnel
DS castelnovo di sotto
DS Reggio Emilia
ulivo
ulibo
fondazione basso
lapiazzarossa
astrofabio
redirish
Volenterosi
adele parrillo
Liff
Latte Scarlatto
EmiliaNet
IlSole24Ore
ThePolitico
Crixtian
arciJoe
discarica
LENZ
eleanorerigby
gugol-meps
Bolle da Orbi
DeCiDeRe
Luca Sofri
Adam Smith Society
LibMagazine
NovaMagazine
culture metropolitane
Professione Cittadino
Angelo Pezzana
Fondazione Sandro Penna
Monocle
Informazione Corretta
Camere con Vista
  cerca

 
Pensieri rubati.

"Il piacere è ben lungi dall'essere una guida critica infallibile: è però la meno ingannevole" (W.H. Austen)

"Non c'è niente che ci faccia più soffrire di un desiderio esaudito" (Santa Teresa d'Avila)


 

Diario |
 
Diario
1visite.

6 settembre 2007

PD, che fine ha fatto la questione settentrionale?

Durante la pausa politica di agosto, i numeri di alcune interessanti ricerche rischiano di rimanere offuscate dalle vacanze e dal chiacchiericcio sterile di troppa politica. Politica, troppo spesso poco abituata ad una riflessione pacata e non propagandistica.
Mi riferisco in particolare ai dati sul costo della pubblica amministrazione, ai risultati di uno studio sul federalismo fiscale e sulla pressione fiscale a livello locale della Cgia di Mestre, l’associazione degli artigiani e delle piccole imprese, molto sensibili su questi temi.
Secondo l’Ufficio Studi della Cgia la Pubblica Amministrazione costa ad ogni cittadino 5.564 €, seconda in Europa solo alla Francia che però ha una macchina burocratica e dei servizi che garantisce certamente una ben diversa efficienza e qualità. Occorre peraltro essere consapevoli della notevole incidenza del debito pubblico in questa cifra e quindi del pesante handicap che il nostro paese deve al più presto recuperare.
Un altro significativo dato che giunge dallo stesso Ufficio Studi riguarda la pressione tributaria locale. Reggio Emilia si presenta molto virtuosa in questa classifica che vede come capoluogo più ‘tartassato’ Milano: ogni reggiano ha versato nel 2005 ai propri enti locali 1.575,21 €, tra tasse, tributi e addizionali varie, importo inferiore a quasi tutti quelli degli altri capoluoghi di provincia emiliani (con l’eccezione di Ravenna e Rimini, che seguono di poco Reggio). E fa impressione, ma non sorprende, che ai primissimi posti della classifica, dopo Milano per l’appunto, Aosta e Bologna, vi siano di seguito, Pavia, Mantova, Como, Lecco, Sondrio, Cremona e tutte le province del nord Italia.
Ovviamente questi dati vanno letti unitamente a quelli sull’efficienza nella spesa pubblica e della macchina amministrativa locale. Quindi oltre a discutere della pressione fiscale in termini assoluti (cosa più che mai legittima), è molto utile anche parlare di quanto la fiscalità, in questo paese, sia equa e utile in relazione alla qualità dei servizi che la pubblica amministrazione offre ai cittadini e alle imprese e magari riuscire a costruire in futuro un indicatore sintetico che tenga bene insieme i due aspetti.

La ricerca offre molti altri aspetti significativi e interessanti che la buona politica deve sforzarsi di capire, comprendere e analizzare.
E nel dibattito sul Partito Democratico, sia a livello nazionale che locale tale questione è di fondamentale importanza – come ha ben evidenziato Veltroni nel suo manifesto sul fisco – perché è indicativa della radicale trasformazione che è avvenuta nel rapporto tra individuo e società, all’interno del nuovo paradigma culturale in cui l’individuo ha un peso crescente, nelle sue responsabilità e nei suoi diritti.
E’ necessaria quindi una lettura politica di cui il nascente Partito Democratico, in Emilia-Romagna e nelle altre aree più avanzate del paese, deve farsi carico. Cercando di rispondere a queste domande: siamo disposti ad aprire un proficuo fronte politico interno, tra leadership locali e nazionali, che discuta su come investire sulle aree più avanzate (anche alla luce delle linee strategiche presentate del PTR, e della nuova stagione di pianificazione territoriale che si sta aprendo, ad esempio) per rimettere in moto l’intero sistema? Siamo disponibili a ragionare, senza censure nel rapporto tra centro e periferia del nuovo partito, dell’idea che il futuro PD avrà su come utilizzare le risorse aggiuntive che, si spera, deriveranno da una maggiore autonomia fiscale, in partite fondamentali per la competitività del nostro territorio (a partire dalle infrastrutture)?

Un partito democratico, con forte vocazione regionale e territoriale, che promuova una classe dirigente dalla schiena dritta e che affronti con coraggio temi come la riforma federale dello Stato, la questione infrastrutturale e la competitività del sistema, è una delle premesse perché il Pd che verrà possa essere strumento di modernizzazione di tutto il paese.




permalink | inviato da tenax il 6/9/2007 alle 14:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        novembre