.
Annunci online

 
tenax 
ossimori, palindromi e apocope
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  reset - caffè europa
Formiche!
gaynews
repubblica
il riformista
la voce
DS
corriere della sera
la Stampa
Il manifesto
la rivista dei libri
marco mancassola
matteo b. bianchi
Internazionale
La Gabella
L'indice
il compagno segreto
cultura gay
Il caffè letterario
ItalianiEuropei
il foglio
Christian Rocca
River
LeftWing
CafèBabel
bookmark
NENS
Gianni Cuperlo
tunnel
DS castelnovo di sotto
DS Reggio Emilia
ulivo
ulibo
fondazione basso
lapiazzarossa
astrofabio
redirish
Volenterosi
adele parrillo
Liff
Latte Scarlatto
EmiliaNet
IlSole24Ore
ThePolitico
Crixtian
arciJoe
discarica
LENZ
eleanorerigby
gugol-meps
Bolle da Orbi
DeCiDeRe
Luca Sofri
Adam Smith Society
LibMagazine
NovaMagazine
culture metropolitane
Professione Cittadino
Angelo Pezzana
Fondazione Sandro Penna
Monocle
Informazione Corretta
Camere con Vista
  cerca

 
Pensieri rubati.

"Il piacere è ben lungi dall'essere una guida critica infallibile: è però la meno ingannevole" (W.H. Austen)

"Non c'è niente che ci faccia più soffrire di un desiderio esaudito" (Santa Teresa d'Avila)


 

Diario |
 
Diario
1visite.

20 settembre 2007

Veltronomics - se non fossero solo parole...

Se non fossero solo parole quelle che Veltroni, nel suo tour elettorale, continua a pronunciare sulla politica economica? Se la sinistra fosse veramente pronta, dopo il riflusso istintivo antiberlusconiano, a lanciare la sua battaglia culturale e politica su alcuni importanti temi?
Io intanto me li segno, in attesa, spero infinita, delle dovute riflessioni e sprecisazioni e del canonico 'mi avete frainteso'.

1- contratto unico per tutto il lavoro dipendente a tempo indeterminato con diverse soglie di garanzie a seconda dell'anzianità e dell'affidabilità mostrata sul posto di lavoro (e questa è grossa, che qualcuno ha portato un sacco di gente contro il feticcio dell'articolo diciotto);
2 - pagare meno, pagare tutti, anzichè il contrario. Che il fisco e le tasse non servono per redistribuire, ma semmai per pagare i servizi. E nn s'era mai sentito un leader della sinistra dire che a fronte del versamento fiscale il cittadino deve ricevere buoni servizi, che esiste un nesso tra tasse e prestazioni dello Stato, e che diminuire la pressione fiscale è un modo per diminuire l'evasione;
3 - finalmente si parla di riforma e razionalizzazione della pubblica amministrazione (anche se si deve registrare il disaccordo tra Damiano e Nicolais, ma comunque si tratta di due impianti culturali fortemente riformisti: scegliamone uno e portiamolo avanti con decisione, senza aver paura di scontrarsi con il sindacato, che tutti i partiti riformisti europei, nel riformarsi hanno aumentato il grado di autonomia reciproca tra politica e rappresentanze sociali);

In conclusione: ci sono una serie di politiche liberali che, per dirla alla Giavazzi e Alesina, farebbero crescere il tasso di efficienza quanto quello di equità nella nostra società. Ecco quale deve essere l'impronta di cultura economica del Partito Democratico. Secondo me, ovviamente.




permalink | inviato da tenax il 20/9/2007 alle 14:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        novembre